AURORA GRASSO e FABRIZIO BELLINO s’incontrano al laboratorio di Commedia dell’Arte tenuto da Nicoletta Vicentini a Roma, nell'ambito dei rispettivi percorsi di formazione presso l'Istituto Teatrale Europeo, centro che coniuga aspetto artistico e pedagogico.

Decidono d’intraprendere un percorso di ricerca insieme. 

Si ritrovano, così, a Firenze, dove partecipano al laboratorio di Commedia dell’Arte e Tecniche della maschera condotto da Alessio Nardin, organizzato da Cantiere Obraz.

Le maschere diventano le loro guide e li conducono nuovamente a Roma, dove vengono ammessi all’Atelier di Commedia dell’Arte organizzato da ICRA Project e diretto da Michele Monetta, avendo modo di ricercare sul mondo delle maschere sia da un punto di vista storico che tecnico. 

La loro ricerca continua. 

Studiano, approfondiscono e sperimentano il Teatro e la Pedagogia dell’Oppresso di Augusto Boal e Paulo Freire con Jordi Forcadas Baladier del Forn de Theatre Pa’ Tothom di Barcellona e con Roberto Mazzini della Giolli Coop, essendo attori in diversi spettacoli di Teatro Forum.

Per l’Associazione Architettando elaborano una creazione teatrale per un progetto di riqualificazione urbana in collaborazione con l’Associazione Campomarzio di Trento e Superuse Studios di Rotterdam (NL).

La loro ricerca continua. 

Approfondiscono l’arte materiale e la costruzione delle maschere e dei burattini, l’illustrazione e l’utilizzo del colore, studiando, tra gli altri, a Roma, con Paola Del Ferraro, scuola Bruno Leone, e con Cristiana Cerretti, B17 Illustrations, sviluppando, in seguito, una loro metodologia innovativa.

La loro ricerca continua. 

Hanno partecipato in qualità di attori, registi e drammaturghi a diverse opere di teatro contemporaneo e civile e di teatro di maschera e di figura e condotto laboratori in ambito artistico e pedagogico principalmente in contesti sociali.

 

Insieme sono FIABRICA.

AURORA GRASSO

è figlia di un borgo abbracciato da castelli e da campi, dal fiume Brenta e dalle industrie, non lontano dai monti, in Veneto, ma parte delle sue origini proviene dall’isola dell’Etna. 

Si diploma come attrice, presso l’Accademia Teatrale Veneta di Venezia, diretta da Renato Gatto.

Pedagogista, consegue la laurea magistrale in Pedagogia, con tesi sul teatro d'ombre in pedagogia e terapia, presso l'Università degli Studi di Padova. 

Si diploma in Art Theatre Counseling, con tesi sulla regia teatrale, presso l’Istituto Teatrale Europeo di Roma.

Consegue la laurea in Storia e Filosofia, con tesi sulla maschera teatrale, presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

FABRIZIO BELLINO è figlio di un borgo stretto tra gli ulivi e le ferrovie, i mandorli e gli ecomostri, non molto lontano dal mare, nella Puglia che guarda a Levante.

Si diploma in Drammaturgia e Sceneggiatura presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma.

Pedagogista, consegue la laurea magistrale in Pedagogia, con tesi sul teatro dei burattini in pedagogia e terapia, presso l'Università degli Studi di Padova.

Si diploma in Regia Teatrale con lo spettacolo Due emigranti, presso l’Istituto Teatrale Europeo di Roma.

Consegue la laurea in Scienze dei Servizi Giuridici, con tesi sul teatro ed il cinema all’interno dei penitenziari, presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Aldo Moro di Bari.